eMail: Tel. +39 02 9956818

Per avere un impianto efficiente, a norma e con alti rendimenti termici, PREREDA provvede a risanare la vostra canna fumaria portando i fumi sul tetto della vostra abitazione in totale sicurezza. 

INTUBAMENTO CONDOTTI SINGOLI

I sistemi intubati si compongono di 3 elementi principali:

  • L’asola tecnica esistente o nuova che porta all’interno la tubazione
  • Il condotto per l’intubamento che lavora a pressione positiva o negativa
  • L’intercapedine che separa la zona del condotto dall’ asola

I condotti intubati che passano all’interno di edifici esistenti devono avere la superfice esterna incombustibile o in alternativa devono essere posti in asole tecniche in classe A1 di reazione al fuoco

L’asola tecnica non deve avere ostruzioni o restringimenti tali da pregiudicare la struttura o il sistema fluido termo dinamico dell’ evacuazione dei fumi

La pulizia della superfice interna all’ asola deve essere tale da non contenere fuliggine o scorie

Deve esserci completa assenza di danni strutturali nell’ asola tali da compromettere l’integrità

L’asola deve essere protetta dagli agenti atmosferici e deve essere per quanto possibile accessibile per la pulizia ordinaria e straordinaria

Il condotto intubato dove passano i fumi di combustione deve essere adibito ad uso esclusivo

L’intercapedine tra la parete interna dell’ asola e la parete esterna del condotto intubata deve essere ad uso esclusivo del sistema con le seguenti eccezioni:

  • E’ possibile far passare tubazioni dell’ acqua o altre tubazioni non combustibili (esempio escluso l’ R32) rispettando i seguenti requisiti:
    • L’intercapedine non deve essere adibita ad uso di aspirazione dell’ aria comburente
    • L’intercapedine deve essere almeno il 150% della superfice del tubo di evacuazione fumi
    • La distanza tra il tubo di evacuazione e il tubo dell’ acqua o di altro fluido deve esssere almeno di 10 cm  

Il tubo flessibile intubato non deve fare curve per cui si creino sifoni per la condensa che fanno funzionare male la caldaia

Possono essere utilizzati i giunti di connessione tra un tubo flessibile e un altro solo se garantiscono la tenuta della pressione

La sezione libera dell’ intercapedine può essere utilizzata per l’adduzione dell’ aria comburente solo se la superfice è 1,5 volte la superfice del tubo intubato (150%)

Alla sommità dell’ asola contenente i condotti fumi che lavorano a pressione positiva deve essere posta un’ apertura di comunicazione tra l’esterno e lo spazio interno dell’ intercapedine

Se la superfice dell’ intercapedine non è il 150% del condotto di evacuazione dei fumi allora è necessario porre una tubazione di collegamento tra la base dell’ asola tecnica e l’esterno dell’ edificio avente un area di 150 cm2 allo scopo di ventilare l’intercapedine

Nel caso che l’intercapedine sia utilizzata solo a scopo di areazione dell’ asola tecnica e nel caso che il condotto dei fumi intubato abbia una superfice inferiore o uguale a 100 cm2 (caldaie tradizionali) è necessario che la superfice dell’ intercapedine sia almeno pari della superfice del condotto di intubamento  

                                                                                                 Nel caso che il condotto dei fumi intubato abbia una superfice superiore a 100 cm2 (sezioni di diametro > di 110 mm) è sufficiente che la distanza tra la parete esterna del condotto e la parete interna dell’ asola sia sempre almeno 2 cm per parte se l’asola è quadrata o 3 cm se l’asola è circolare

CONDOTTI PER CALDAIE A CONDENSAZIONE

I condotti per l’evacuazione fumi in plastica possono essere utilizzati solo per i generatori a condensazione e non devono avere mezzi meccanici di aspirazione in cima

La classe di temperatura del tubo deve essere almeno pari a T 120 cioè deve resistere alla temperatura di almeno 120°C ed è richesto che abbiano una classe W di resistenza all’ umidità

La classe di resistenza alla corrosione del condotto di intubamento deve essere almeno pari alla classe 1 secondo la UNI EN 1443 oppure alle classi V1 o V2 secondo la UNI EN 1856 / 1

INTUBAMENTO CONDOTTI  MULTIPLI

I sistemi di intubamento multipli devono essere progettati in modo tale che tutti i tubi abbiano lo spazio per coesistere e abbiano almeno 2 cm di spazio tra uno e l’altro e 2 cm tra la parete interna dell’ asola e la parete esterna del tubo

Se all’interno dell’ asola di contenimento è presente una tubazione di evacuazione fumi per generatore a biomassa allora tutti i condotti intubati devono avere classe di reazione al fuoco A1 oppure devono essere previste delle distanze di sicurezza come da normativa. In altro modo è possibile coibentare il tubo affinchè gli altri condotti siano protetti

In sommità devono essere previste delle targhe di modo che sia riconoscibile a che apparecchio appartenga la tubazione e se ci sono condotti per l’aspirazione dell’aria.

VIDEOISPEZIONI

Prima di effettuare un intubamento è sempre consigliato effettuare una video ispezione 


La video ispezione del condotto fumario e le relative misurazioni eseguite contestualmente risultano utili per controllare lo stato e le condizioni generali dello stesso, in particolare la corretta rispondenza alle normative vigenti in materia, per individuare eventuali rotture e deterioramento del materiale di costituzione del condotto, la presenza di curve e/o variazioni di sezione, probabili immissioni dirette (vietatissime dalla legge),…, in pratica, qualsiasi anomalia che comporti una situazione di pericolo per gli utenti (es. non è raro che questa operazione sia richiesta in caso di intubamento del condotto fumario, per accertare l’assenza di altre immissioni di apparecchi e consentire, pertanto, l’operazione di intubamento in piena sicurezza).